A breve sarà possibile presentare domanda per beneficiare di contributi inerenti al Piano di Sviluppo Rurale 2014/2020.

Possono aderire sia le imprese agricole individuali sia le società agricole, purché in possesso della qualifica IAP (imprenditore agricolo professionale).

Il contributo viene concesso alle imprese che a seguito dell’istruttoria della pratica avranno dimostrato di avere i dovuti requisiti, inoltre verranno considerate ammissibili solo le spese sostenute dopo la protocollazione della domanda.

In particolare sono ammissibili:

Opere di miglioramento fondiario di natura straordinaria

Impianto e/o reimpianto di colture arboree e arbustive specializzate pluriennali, soltanto con contestuale realizzazione del relativo impianto antigrandine;

Adeguamento impiantistico, igienico sanitario e per la sicurezza dei lavoratori, di livello superiore a quello definito dalle norme vigenti, tra cui lo smaltimento dell’amianto;

Adeguamento ai requisiti minimi definiti dalle norme comunitarie, nazionali o regionali, comprese quelle vigenti nell’ambito impiantistico, igienico sanitario e per la sicurezza dei lavoratori, purché terminati entro 24 mesi dalla data di primo insediamento, nel caso di giovani agricoltori che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola, beneficiari della Operazione 6.1.01 - “Incentivi per la costituzione di nuove aziende agricole da parte di giovani agricoltori” del PSR 2014-2020;

 Acquisto e/o realizzazione di impianti e acquisto di dotazioni fisse, ossia installate in modo permanente e difficilmente spostabili; acquisto di nuove macchine e attrezzature; realizzazione di strutture per la protezione delle colture dai parassiti e acquisto di capannine agrometeorologiche aziendali per la razionalizzazione della gestione agronomica e fitosanitaria delle colture.

L’ammontare del potenziale contributo è in percentuale sulla spesa imponibile ammessa (esclusa Iva), può variare in base alla localizzazione aziendale (zona svantaggiata montana o meno) e se la conduzione è di un giovane agricoltore o no. La percentuale va da un minimo del 35 % ad un massimo del 55%

L’importo minimo (imponibile, esclusa quindi Iva) di spesa per aderire alla misura in zona non svantaggiata è di € 40.000, per le aree svantaggiate è di € 20.000

I termini di presentazione attualmente sono fissati dal 03/09/2015 al 03/11/2015

Per ulteriori informazioni rivolgersi presso gli uffici comunali o al n. 333/3470233

Bagnaria, 25/08/2015                                

                                         IL CONSIGLIERE DELEGATO

                                                       Daniele VOLPE