Torna indietro

Sorge sul lato sinistro del torrente Staffora a circa 1.500 mt. dal capoluogo. Storicamente le prime notizie della frazione risalgono ai primi anni del 1600. Un documento conservato presso l'archivio parrocchiale datato 1616 diligentemente riporta il censimento della popolazione ivi abitante che risulta costituita da n. 6 fuochi (famiglie) e da n. 29 abitanti. Quello del 1616 risulta essere il primo censimento effettuato e la frazione all'epoca è quella con il maggior numero di abitanti, dopo Livelli ed è chiamata Motti da cui Mutti a seguito di successive trascrizioni(1). Il documento più antico di cui si ha notizia che fa riferimento alla frazione, risale però a qualche anno prima e precisamente al 1605. Si tratta di un decesso: "alli 27 dil mese di marzo fu sepulto: Jacomino figliolo di Giovanni e Barbara da Motti quale era di essa di anni in circa 3". Particolare curioso che caratterizza la frazione è rappresentato dalla linea di confine con il Comune di Ponte Nizza che "taglia" l'abitato in due parti creando situazioni di evidente disagio ai residenti che in taluni casi, devono fare riferimento alle due amministrazioni comunali per il disbrigo di pratiche burocratiche.

(1) Ancora nel 1859 D. Bertacchi in "Monografia di Bobbio" cita Casa Motti tra le frazioni di Bagnaria

Per migliorare l'esperienza di navigazione, questo sito potrebbe utilizzare cookies sia propri che di terze parti. Per maggiori informazioni clicca qui.

Continuando la navigazione si accetta di utilizzare i cookies.